La fatturazione elettronica è già qui! Scopri di più

 Capitolo 14

Pianificazione finanziaria e forecast per liberi professionisti

Per ogni libero professionista diventa fondamentale avere previsioni finanziarie attendibili sulla propria attività. Per questo la redazione dei budget e del forecast diventano dei driver fondamentali. 

Autore: Fatture in Cloud

Ti sei mai chiesto dove vanno a finire i tuoi soldi?

Quando intraprendi una nuova attività è facile farsi prendere la mano, perdendo la percezione di dove vai ad investire i tuoi soldi. Capita spesso che alla luce dei primi guadagni si inizi a spendere in maniera poco oculata e senza una strategia alle spalle.

Per questo lavorare con un budget diventa di fondamentale importanza: ti permette di programmare la tua attività e avere sempre la situazione sotto controllo, preparandoti ad affrontare gli imprevisti e dandoti la possibilità di cogliere le opportunità che ti si presenteranno.

Qui di seguito trovi alcuni consigli su come pianificare la tua gestione finanziaria tramite la creazione di un budget, così da limitare gli sprechi, ma soprattutto sapere sempre dove va a finire ogni singolo euro che investi:

  • Avere ben chiare le tue fonti di reddito e il loro ammontare; il primo passo è capire quanto guadagni all’incirca su base mensile. Questo ti permetterà di avere ben definita la base dalla quale partire per pianificare le tue strategie. Questi dati ovviamente non sono tutti certi, ma si basano in parte sui dati storici ed in parte su delle previsioni che farai basandoti sui lavori futuri, tasso di crescita del tuo settore, ecc.
  • Determina i costi fissi; non solo le aziende, ma anche i professionisti hanno dei costi fissi come ad esempio l’affitto. Avere ben chiaro subito l’ammontare ti permetterà già di andare a definire un budget al netto di questi costi.
  • Calcola le spese variabili; in questa categoria devi inserire tutti i costi che sosterrai, ma che non possono essere inseriti nella categoria precedente, perché variano periodicamente in base a diversi fattori. È molto importante sapere che in questa categoria rientrano costi dai quali può dipendere un incremento dei ricavi, come ad esempio costi di marketing che, con il loro aumento, possono aumentare anche i tuoi lavori e quindi i ricavi. Questa tipologia di costi variabili va gestita in maniera diversa, ovvero se non hai budget ma prevedi che con un ulteriore sostenimento di questi costi puoi aumentare le entrate, avere un extra budget e ricorrere ad esso può essere una scelta giusta.
  • Uno dei vantaggi della creazione di un budget è quello di poter prevedere con largo anticipo anche i costi una tantum. Non sono le spese relative al computer che devi ricomprare perché si è rotto (quelle le possiamo classificare come spese straordinarie), ma riguardano spese che sosterrai in futuro per determinate iniziative o acquisti, e che inserendole in budget ti permetteranno di avere la tua situazione economico-finanziaria aggiornata e sotto controllo.
  • I passaggi che ti ho presentato rappresentano gli elementi cardine dai quali partire per creare un budget, l’ultimo passaggio non è altro che quello di raggruppare tutte le voci in maniera ordinata così da avere tutto sotto controllo.

Lo schema seguente può essere uno spunto, ma puoi strutturarlo come meglio credi:

FONTI DI REDDITO:

  • Redditi da lavoro
  • Redditi da investimento
  • Prestiti
  • Risparmi

PREZZI FISSI:

  • Affitto / mutuo
  • Stipendi
  • Internet
  • Tasse
  • Sito web hosting
  • Servizi di contabilità
  • Servizi legali e assicurativi

SPESE VARIABILI:

  • Materiali
  • Pubblicità
  • Altri costi di marketing
  • Trasporti
  • Viaggi e eventi

SPESE UNA TANTUM:

  • Computer
  • Mobilia
  • Software
  • Forniture per ufficio

All’inizio può sembrare difficile, ma fidati, ne trarrai un grande vantaggio! Avere la tua situazione economico-finanziaria già molto chiara, ti permetterà di pianificare ancora meglio la tua attività, prendere decisioni in tutta tranquillità e far crescere il tuo business senza incappare in imprevisti. Non dimenticare che il budget che stili a inizio anno deve essere aggiornato o revisionato due o tre volte l’anno sulla base dei costi e ricavi che man mano registri.

Da queste revisioni nasce un nuovo documento, il forecast, ovvero una previsione della situazione economica finanziaria di fine esercizio. Questo documento lo crei utilizzando i dati del consuntivo, per i mesi terminati, mentre per i mesi futuri utilizzerai il budget da te programmato (o revisionato in base all’effettivo andamento aziendale).

Con il passare dei mesi il forecast diventa una previsione sempre più attendibile dell’andamento aziendale. Un continuo aggiornamento e una costante analisi ti permetterà di:

  • Gestire al meglio gli ultimi mesi dell’anno, facendo quadrare eventualmente i conti o sfruttando al meglio l’eccedenza di budget che hai accumulato durante l’esercizio;
  • Iniziare a programmare il budget del prossimo anno e quindi indirettamente anche le attività da porre, o meno, in essere in futuro.

È molto importante che il forecast rispecchi correttamente la realtà, così da poter svolgere la sua funzione di coordinatore delle attività in modo sempre più efficiente.

Un ultimo consiglio, per avere sempre tutti i conti in ordine serve organizzazione. Da una parte ci sono le fatture e gli scontrini in entrata, dall’altra le fatture in uscita, e alla prova del nove ci sono gli estratti conto, come gestirli? Utilizzare un software come Fatture in Cloud può essere un’ottima soluzione per avere tutto sempre sotto controllo e a portata di mano.


Dritte e consigli per la gestione finanziaria della tua attività

Come freelance sei solo nella gestione della tua attività. Ma non preoccuparti, in un modo o nell’altro noi saremo sempre al tuo fianco!

Per questo abbiamo deciso di fornirti alcune piccole dritte per una gestione finanziaria efficiente:

  • Chi ti diceva che i soldi non sono tutto nella vita in parte aveva torto. La liquidità per la tua attività è fondamentale. Accertati di non rimanere senza, così da poter assecondare sempre le esigenze interne o esterne basilari. Ricorrere ai finanziamenti può essere un’alternativa per far fronte alle spese, ma non deve essere l’unica; per questo un’attenta gestione della liquidità diventa importantissima.
  • Scegli con cura i professionisti con cui collaborare! Avvaliti di persone specializzate nelle discipline di tuo interesse (marketing, legale, finanziario, ecc…). Persone con una giusta specializzazione e con un’adeguata esperienza nel tuo settore, renderanno il tuo percorso di crescita sicuramente efficiente e meno tortuoso.
  • Steve Jobs ha creato “qualcosina” partendo da un garage, oltre ad augurarti lo stesso percorso professionale, ti consigliamo anche di ridurre le spese e il rischio soprattutto all’inizio. Nel primo periodo cerca di ridurre al minimo i costi superflui, scegli uffici poco costosi, sfrutta il coworking, avvaliti di collaborazioni; questo ti permetterà di limitare l’investimento dirottando i risparmi su altre attività come il marketing e la pubblicità, per far conoscere la tua attività, piuttosto che sull’acquisto di strumenti e software per te fondamentali.
  • Conto corrente a zero spese, prestiti a tassi scontati, home banking efficiente, questi sono solo alcuni aspetti da tener presenti quando scegli una banca. Fissa delle priorità per la tua gestione finanziaria. Ricorrerai spesso al capitale di debito? Scegli una banca con tassi agevolati. Scegliere la banca giusta per la tua attività vuol dire avere un risparmio sia nel breve che nel lungo periodo, e un’efficienza finanziaria che ti aiuterà molto nella gestione del tuo business.
  • Aggiornati sempre! Se vuoi rimanere competitivo devi essere sempre aggiornato sulle ultime novità di settore. Leggi le riviste, i blog, newsletter, partecipa alle convention. Avere sempre sotto controllo il polso del tuo settore ti permette di muoverti in anticipo e affrontare eventuali problemi già con la soluzione a portata di mano, in questo modo dal punto di vista finanziario non ti troverai mai in difficoltà.

Con questi semplici consigli sulla corretta gestione aziendale eviterai di inciampare negli ostacoli che si presenteranno durante la tua vita lavorativa, permettendoti di sviluppare al meglio il tuo business.