La ripartenza secondo le Micro Imprese: scopri lo studio

 Capitolo 7

Come incrementare il traffico del tuo sito web

Un sito può aiutarti ad attirare nuovi clienti? Certo che sì. Ecco 10 consigli per aumentare il traffico sul tuo sito e presentare con successo la tua offerta.

Autore: Fatture in Cloud

Il sito web è una vetrina digitale. Ti permette di esporre i tuoi prodotti e/o servizi, di rispondere alle FAQ (domande frequenti) dei clienti, e di invogliare all’acquisto.

Un sito con una buona visibilità sui canali più rilevanti per il tuo settore ti permette di attrarre persone appartenenti al tuo pubblico target. Se realizzato con una bella grafica e user-friendly ti aiuta a tenere sempre alto l’interesse e il coinvolgimento dei visitatori, predisporli all’acquisto e farli tornare.

Proprio per questi motivi, il sito web è uno strumento in grado di portarti nuovi clienti. Vediamo come incrementare il traffico al tuo sito, quindi aumentare le possibilità di vendere i tuoi prodotti o servizi.

1. Ottimizza il sito

Se vuoi che i clienti possano trovare il tuo sito, bisogna che sia posizionato tra i primi risultati di ricerca, ovvero che sia ottimizzato per i motori di ricerca.

Scopri quali sono le keywords (parole chiave) più rilevanti per il tuo business e assicurati che siano inserite nelle pagine del tuo sito.

Attenzione: l’ottimizzazione del sito per i motori di ricerca (SEO - Search Engines Optimization) è una strategia complessa che non può essere improvvisata, e che dà risultati nel medio e lungo termine.

2. Assicurati che il sito sia responsive

Le persone si connettono a internet utilizzando diversi device, con una sempre crescente predilezione per i dispositivi mobili, come tablet e smartphone.

Nel 2018 il traffico da mobile rappresentava già il oltre il 50% del traffico internet a livello globale. Ad oggi, quasi il 75% delle vendite online avvengono attraverso dispositivo mobile. Per questo, è indispensabile che il tuo sito sia “responsive”, che sia cioè in grado di adattarsi ed essere consultato agevolmente da qualunque dispositivo, fisso o mobile che sia.

La user experience (l’esperienza degli utenti) deve essere chiara, agile e funzionale, il che implica una navigazione intuitiva, un layout (disposizione dei diversi elementi all’interno di una pagina) chiaro e pulito, tempi di caricamento ridotti al minimo, semplicità di utilizzo. Senza queste caratteristiche - e si tratta solo di quelle davvero indispensabili - l’utente può innervosirsi, scoraggiarsi e abbandonare il sito, e di conseguenza la possibilità di acquisto.

3. Utilizza i social

Abbiamo già accennato all’importanza dei social media, ma va sottolineato quanto possano essere importanti per il sito web. Assicurati che il link al tuo sito sia chiaramente presente e visibile in tutti i tuoi profili social, pubblica spesso aggiornamenti che rimandino al tuo sito o a sue specifiche sezioni, utilizza gli hashtag e crea “giro” coinvolgendo direttamente gli utenti co inserzioni, promozioni sondaggi e contest.

Nel sito devono essere a loro volta presenti e ben visibili i link ai tuoi canali social, identificati dalle rispettive icone/loghi.

Cerca di avere la massima corrispondenza possibile tra il tuo dominio web e i nomi dei tuoi account/canali social, in modo che i clienti, semplicemente ricordando il tuo brand, possano individuarti facilmente nelle diverse piattaforme.

4. Investi in pubblicità

Se hai budget per farlo, investi in pubblicità e inserzioni a pagamento.
Ci sono diverse possibilità, tra cui:

  • Ricerca a pagamento: utilizzando Google AdWords Express puoi gestire in modo automatico le inserzioni online, e puoi anche fare retargeting mostrando i tuoi annunci ai clienti che hanno già visitato il sito ma che ancora non hanno effettuato acquisti.
  • Inserzioni a pagamento sui social: puoi creare inserzioni a pagamento su Facebook e Instagram, migliorare ulteriormente le performance dei post più coinvolgenti, o mostrare post sponsorizzati ad un pubblico mirato.
  • Display advertising: puoi pubblicare annunci visuali su altri siti o social media, utilizzando banner, video, gif animate, ed altri elementi creativi. Questa opzione prevede di conseguenza un impegno maggiore, sia dal punto di vista economico che da quello produttivo, dato che per avere risultati ottimali potresti doverti rivolgere a figure professionali esterne.

5. Crea una mailing list

Utilizzando l’email marketing puoi creare diverse liste di utenti a cui inviare aggiornamenti su novità, offerte e promozioni. È un ottimo modo per mantenerti in contatto con i tuoi clienti e invitarli a visitare il tuo sito.

Per realizzare mail con una buona resa estetica e inviarle in pochi secondi a tutti i tuoi clienti, ti consigliamo di utilizzare un software per l’email marketing. Ne esistono tantissimi, a gratuiti o a pagamento. CRM in Cloud non solo ti aiuta a creare le mail, grazie all’editor e ai template personalizzati, ma ti permette anche di:

  • definire in modo preciso i segmenti di pubblico a cui inviare la mail,
  • programmare gli invii e renderli automatici,
  • analizzare i risultati (ad esempio, il tasso di apertura delle mail).

Grazie a queste funzionalità, potrai migliorare le performance delle tue attività di email marketing.

software

6. Utilizza le liste di directory

Avere il tuo sito all’interno delle directory online, elencato per settore o per località, può aumentare sensibilmente il traffico delle visite.

Ad esempio, avere il nome del tuo brand, comprensivo di una scheda di descrizione dell’attività e del link al tuo sito su directory come Google My Business, o all’interno dell’elenco imprese della tua Camera di Commercio, o su directory di settore (es. Archiproducts, Edilpro…), può farti entrare in contatto con chi sta cercando proprio un business come il tuo e proprio nella tua zona.

Rientrano in questo caso anche portali di recensioni come Tripadvisor, in cui gli utenti possono lasciare un feedback che determinerà in negativo o in positivo la scelta di ulteriori potenziali clienti.

7. “Arruola” gli influencers

Bloggers, vloggers, instagrammers, tiktokers… ormai ogni piattaforma ha i suoi power users (persone molto seguite che pubblicano contenuti molto apprezzati) presi a modello dagli altri utenti.

Individua quelli più adatti a promuovere il tuo business e fa’ in modo che scrivano di te, o recensiscano un tuo prodotto. Sicuramente dovrai offrire loro qualcosa in cambio - a volte basta semplicemente il prodotto stesso dato in omaggio, in altri casi ci sarà un vero e proprio accordo economico - ma l’investimento verrà ripagato dall’ampiezza del loro pubblico, che auspicabilmente porterà ad un picco di visite al tuo sito.

8. Verifica i tuoi contenuti

“Content is King”, diceva in tempi non sospetti un certo Bill Gates. È fondamentale sapere quale tipo di contenuti veicolare ai tuoi clienti, e per riuscire a scoprirlo è necessario sperimentare diverse tipologie di messaggio, di tono di voce e di argomento.

Meglio testi brevi ed asciutti che vadano diretti al punto o articoli di approfondimento dettagliati? Meglio usare un video o un’infografica? Puoi ovviamente utilizzare un mix di contenuti, l’importante è apportino un valore e siano ritenuti interessanti dai tuoi utenti, che a loro volta potranno interagire esprimendo la loro opinione, commentando e condividendoli.

9. Usa Google Analytics

Google Analytics offre una miniera di informazioni riguardo al tuo sito, tra cui la provenienza del traffico, la demografia dei tuoi visitatori, statistiche e punteggi sulle pagine più visitate, le keywords più ricercate e molto altro. Tutti questi dati possono essere utilizzati per delineare le tue strategie di marketing e per attirare sul tuo sito gli utenti più interessati, ovvero i potenziali clienti.

10. Studia i tuoi competitor

Che strategie utilizzano i tuoi competitor per portare traffico ai loro siti web? Puoi scoprirlo utilizzando tool come ad esempio Alexa.com e Similarweb.com, che offrono strumenti di content research, analisi SEO, analisi di siti terzi, target audience analysis, ricerca per keyword e controllo dei backlink.

Questi ed altri strumenti ti possono aiutare a capire da dove deriva il traffico dei tuoi competitor e adottare una strategia che ti permetta di agganciare quelle stesse fonti di traffico.

Ti sarà utile anche analizzare quello che i tuoi concorrenti pubblicano, condividono, il modo in cui fanno inserzioni a pagamento nei social o su quali altri siti e portali promuovono il loro brand e i loro prodotti. Devi sempre tener presente che ottenere e mantenere un posizionamento ottimale nel web così come sui social media non è qualcosa che si fa dall’oggi al domani. Si tratta di strategie sul medio e lungo termine, che vanno costantemente monitorate e che, quasi sempre, vanno affidate a persone altamente qualificate. Spesso, in particolar modo nel caso delle attività imprenditoriali più piccole e meno strutturate, si cade nella trappola del “te lo fa mio cuggino che è studiato e prende poco”.

Il sito web può presentare i tuoi prodotti ai potenziali clienti che, per acquistarli, dovranno contattarti, oppure coprire l’intero processo di vendita, inclusa la transizione economica. In quest’ultimo caso, si tratterà di vendita online. Nel prossimo capitolo ti mostreremo come aumentare il tuo giro d’affari grazie alle vendite online.

software