Sei in regime forfettario? Abbiamo una sorpresa per te

 Capitolo 2

Aprire un’attività in tempo di crisi: 7 consigli per riuscirci con successo

Avviare un’attività e renderla redditizia durante una recessione è difficile, ma non impossibile. Ecco come riuscirci, facendo leva sulle dinamiche del mercato in un momento di crisi.

Autore: Fatture in Cloud

Guardiamo in faccia la realtà: aprire un’attività in tempo di crisi non è da tutti. L’instabilità economica non aiuta a fare progetti per il futuro. Inoltre tanti mercati sono in contrazione: la domanda è calata drasticamente e molte aziende, anche consolidate, hanno dovuto chiudere i battenti.

In questo momento particolare, come puoi portare avanti la tua idea imprenditoriale, avviare un’attività e sperare che riesca a sopravvivere e ad affermarsi? Ecco alcuni consigli.

1. Identifica i problemi accentuati e i nuovi bisogni nati dalla crisi

Le crisi economiche lasciano sempre degli strascichi: creano nuovi bisogni ed enfatizzano i problemi mai risolti.

Per capire meglio il concetto, facciamo riferimento all’attualità. Prima dell’emergenza Covid-19 alcuni mercati erano di nicchia, mentre oggi sono di rilevanza cruciale. Un esempio sopra tutti è la produzione e vendita di mascherine. Inoltre, sempre durante la pandemia da Covid-19, alcuni settori hanno subito dei cambiamenti radicali. Ad esempio, quello dell’istruzione in cui, per via della didattica a distanza, è nata la richiesta di portali per trasmettere le videolezioni e il materiale di studio.

Analizza il mercato in cui ti vuoi inserire e valuta come il prodotto o servizio che hai ideato possa adattarsi alle nuove condizioni: alcune nicchie possono diventare davvero profittevoli.

2. Intercetta il bisogno di cambiamento

Le crisi, come quella generata dalla pandemia di Covid.19, alimentano il bisogno di nuove idee e modelli. A dirlo non siamo noi, ma Eric Ries, uno dei volti più noti nel mondo delle startup, autore nel 2011 del bestseller “The Lean Startup”.

Proponi il tuo prodotto o servizio come novità che può cambiare in positivo la routine delle persone: può rivelarsi vincente.

3. Valuta la variazione delle fasce di clientela

Durante e dopo una crisi si riduce la fascia di consumatori “medi”, mentre aumentano quelle di più basso e più alto livello. Diventano sempre di più coloro che cercano il prezzo più basso e quelli che desiderano la massima qualità.

Il tuo prodotto o servizio quale tipo di cliente soddisfa? Pensaci bene se vuoi che la tua attività abbia successo in tempo di crisi.

4. Comprendi la mentalità degli investitori

Per realizzare la tua idea di business e aprire un’attività, puoi aver bisogno di fondi e quindi di trovare degli investitori disposti a scommettere su di te.

Puoi incontrare due tipologie di investitori:

  • i conservatori, che in tempi di crisi preferiscono trattenere la liquidità e mettere in pausa gli investimenti;
  • gli avventurosi, che sono disposti a investire anche in una situazione economicamente difficile e che approfittano del tendenziale calo di valutazione delle aziende.

Con il secondo tipo di finanziatori hai certamente più chance di ottenere i fondi che ti servono. Fa' attenzione però alle loro condizioni: probabilmente chiederanno maggiori garanzie per tutelare il loro investimento e migliori prospettive di redditività.

5. Diventa abile nel leggere dati e trend

Di fronte a una situazione economica instabile, diventa fondamentale saper interpretare con lucidità i dati ed essere disposti ad adattarsi ai nuovi scenari che si vanno a delineare.

Presta molta attenzione al mercato in cui ti vuoi inserire e al suo andamento e cerca di adeguarti in breve tempo ai trend emergenti. La tua nuova attività dovrà essere flessibile e consentirti di “correggere il tiro”, anche a costo di cambiare il modello di business.

Ad esempio, durante l’emergenza Covid-19 molte aziende tessili hanno iniziato a produrre mascherine, con una riconversione parziale o totale della loro produzione. Assicurati di riuscire a fare altrettanto.

6. Seleziona attentamente i soci

Oltre agli investitori, per intraprendere la tua attività potresti avere bisogno di uno o più soci, con cui condividere competenze, responsabilità e spese.
Scegli i soci con molta attenzione, in particolare in questo momento di crisi. Assicurati che abbiamo valori, approcci e visioni molto simili ai tuoi: sarà più facile creare con loro un gruppo, darsi aiuto e supportarsi, soprattutto nei momenti più difficili.

7. Intercetta i talenti senza impiego

Le crisi hanno un forte impatto anche sul mercato del lavoro e possono rendere difficoltoso l’incontro tra domanda e offerta. Stabilisci il profilo dei collaboratori che vorresti al tuo fianco, fai una ricerca (ti puoi aiutare con LinkedIn), trova dei potenziali candidati e avanza loro la tua proposta. Anche se il compenso che puoi offrire non sarà esorbitante, potresti trovare talenti senza impiego disposti a lavorare per te.

Trasformare un problema in opportunità

Microsoft, Apple, Netflix e Airbnb: queste sono solo alcune delle aziende nate in periodi di crisi. Quello che per molti può essere visto come un problema, per chi ha la mentalità da imprenditore può trasformarsi in un'opportunità: l'opportunità di risolvere nuovi bisogni nati durante la crisi. Tutto parte da un'attenta analisi dei cambiamenti in corso e dei nuovi bisogni da analizzare. Un consiglio su tutti: parla con le persone per trovare un modo per migliorare, anche se di poco, la loro vita quotidiana e poi lavora per creare la tua soluzione.

Alessio Boceda
Co-founder di Startup Geeks, community e incubatore di startup.

A che punto è la tua idea imprenditoriale? Ha superato la fase di validazione e può funzionare anche in un mercato in crisi? Sarebbe tutto perfetto, se solo non si presentasse un altro ostacolo: ti ritrovi con fondi esigui e non sai se riuscirai a portare avanti il tuo progetto di aprire una nuova attività. Non temere, il prossimo capitolo fa proprio al caso tuo.